I granai

XV secolo
Vicino al castello, si trova un magnifico complesso in pietra e legno, utilizzato un tempo dai Sarriod d’Introd come granaio. Da una piccola porta, si accede alle due sale che si trovano nell’interrato. Queste sale sono munite di feritoie, oggi completamente interrate. Realizzato con tutta probabilità verso la metà del XV secolo, questo complesso è stato costruito su di una struttura più antica, sicuramente anteriore alla fine del XIV secolo. Una pergamena, datata 1387, riporta la sentenza di un processo tra il nobile Eustache Sarriod e Vuillermet Gontar per un furto di grano e di lana che fu commesso in un granaio del primo: potrebbe benissimo trattarsi della costruzione in questione.
Restaurato all’inizio del secolo scorso, il complesso d’Introd, seppur nelle sue dimensioni modeste, rappresenta ai giorni nostri l’esempio meglio conservato di architettura valdostana in legno dell’epoca medioevale.

Approfondimenti: riportiamo qui sotto i risultati di un sondaggio, effettuato dal “Laboratoire romand de dendrocronologie” di Moudon (Svizzera) il 26 giugno 2001, sulle parti lignee dei granai.

« Un sondaggio realizzato su di un’antica trave del locale interrato tra il granaio ovest e la parte centrale dimostra che esisteva un corpo di costruzione préesistente, risalente alla fine del XIV secolo.

Granaio Ovest
Nel granaio ovest sono stati effettuati sei prelievi ma di questi solo quattro hanno dato dei risultati attendibili: gli alberi utilizzati per la costruzione sono stati abbattuti tra l’autunno/inverno 1432/33 e l’autunno/inverno 1435/36.

Granaio Est
Tutti e sei i campioni di larice prelevati hanno dato dei risultati attendibili. La sequenza cronologica è chiara: gli abbattimenti sono stati effettuati tra il 1441 e il 1443. Il granaio est è dunque leggermente più recente del suo gemello.

Parte centrale in muratura
Su otto campioni solo quattro hanno fornito dei risultati validi: 1465/1466.

Struttura del tetto a padiglione
Su sette campioni analizzati (larice e picea), sei hanno fornito risultati attendibili: due campioni risalgono all’incirca al 1465; quattro provengono da alberi abbattuti tra il 1471 e il 1473.

I sondaggi effettuati mostrano dunque chiaramente come è stata costruita, per fasi successive, questa struttura eccezionale.» – Claudine Remacle

Approfondimenti

Il Santo Padre in soggiorno nel villaggio di "Les Combes"

Il villaggio di “Les Combes”, situato su un contrafforte morenico lungo la valle centrale…

Il castello

Il castello di Introd fu costruito dal nobile Pierre Sarriod, figlio di Marc…

I granai

Vicino al castello, si trova un magnifico complesso in pietra e legno…

Il campanile

Come la chiesa, anche il campanile ha subito numerosi rifacimenti durante…

I ponti

Il capoluogo è legato ai villaggi a valle da due ponti costruiti sulla dora di Rhêmes…

Il vigneto “Provannes”

Le vendemmie dei rossi, conferiti alla Cave coopérative des Onze Communes di Aymavilles…

L’Ôla

Costruzione molto antica (questo immobile compariva già in un documento testamentario…

La chiesa

Secondo Mgr Duc e l’abbé Hanry, la comunità di Introd cominciò ad organizzarsi in parrocchia…

Il Monte Bianco

Il massiccio del Monte Bianco, con la sua maestosa corona di “4000m” (12 visibili dal versante…

La cappella del “Saint-Suaire”

A sud della cinta circolare del parco del castello, a qualche decina di metri da “l’Ôla”…

Maison ChanteLune

104, hameau Villes-Dessus – 11010 Introd, (AO)

Le petit coin de Maison ChanteLune

82, hameau Plan-d’Introd – 11010 Introd, (AO)

P.IVA 01061370076

Cellulare

+39 338 3435889

E-mail

info@chante-lune.com